Home FAQ Generale Il pc ideale per giocare
Il pc ideale per giocare PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 11 Giugno 2011 00:00
Indice
Il pc ideale per giocare
Il Monitor
Processore e Ram
Scheda Video
Periferiche input
Configurazioni consigliate dal Portale
Tutte le pagine

La versatilità è senza dubbio la dote principale di ogni computer: col PC si lavora, si ascolta musica, si vedono bei film e, perché no, si gioca e ci si diverte. Le applicazioni videoludiche esistono da tempo immemore, da quando i PC non avevano ancora varcato le soglie domestiche e il mondo testimoniava, per la prima volta, il successo delle console: poi sono arrivati i primi Personal Computer e la potenza ha subito un radicale balzo in avanti, consentendo al mondo dei videogiochi un incremento netto di qualità grafica, sonora e giocabilità.



Con il computer si è sempre giocato: è cambiata la grafica, il tutto è diventato ogni generazione sempre più realistico e coinvolgente, poi è arrivato Internet con il Net Gaming, ma l’idea di base è sempre quella di concedersi qualche ora di svago stando seduti alla scrivania, sfidando il computer o gli amici ad emozionanti sfide virtuali. La stessa idea che alimentava i primi Commodore, più di 20 anni or sono.

Oggi i giochi sono meravigliosi, bellissimi da vedere ed estremamente realistici, peccato sia necessario un PC all’altezza per poterne godere appieno. Il discorso è tutt’altro che di stretta attualità, ma rispetto alle generazioni passate sono cambiati i parametri di riferimento: all’inizio tutti gli occhi erano puntati sulla CPU, poiché per godere dei giochi più evoluti era necessario che il PC integrasse il processore più veloce ed evoluto disponibile, pena fastidiosi rallentamenti, riproduzione del gioco “a scatti” o il blocco totale del sistema. All’epoca era possibile risparmiare su componenti quali l’Hard Disk o la scheda video, ma la CPU doveva essere allo “stato dell’arte”. Una decina di anni or sono (anche 15), la memoria RAM era uno dei componenti più costosi del sistema: da un lato gli sviluppatori facevano il possibile per richiederne il minor quantitativo possibile, dall’altro l’utente appassionato non poteva concedersi il lusso di soddisfare le sole richieste minime del gioco. Quest’ultimo, infatti, di fronte a un quantitativo di memoria appena sufficiente, si appoggiava all’Hard Disk per la registrazione dei dati temporanei, e questo determinava (determina ancora oggi, tra l’altro) cali di prestazione notevoli, con tutti i difetti e le conseguenze di cui sopra.

Oggi la situazione è diversa: per riprodurre il gioco in modo fluido e realistico è sempre indispensabile un PC attrezzato ad hoc, ma le richieste identificano nella scheda video il principale parametro da tenere in considerazione. Le attuali CPU sono più che sufficienti per la riproduzione di tutti i giochi (alcune addirittura eccessive) e la memoria, ancora determinante, costa una frazione di un tempo, mentre la scheda video, un tempo accessorio poco rilevante, è diventata il cuore pulsante del sistema di gioco, quel componente sul quale vale la pena investire una quota considerevole del totale. Oggi l’audio è senza dubbio molto più importante di ieri, tanto più che oggi sono tutt’altro che infrequenti i giochi che sfruttano evolute tecnologie surround per assicurare il massimo coinvolgimento possibile: visto che il PC viene anche usato come sorgente universale per gli impianti Home Theater, disporre di una buona scheda audio multicanale e di un impianto dignitoso può fare la differenza.

Poi c’è tutto il discorso del Net Gaming, ovvero del gioco multiplayer online, reso celebre da giochi di ruolo (MMORPG) che prevedono la coesistenza e il gioco cooperativo (ma anche il combattimento) di migliaia e migliaia e utenti connessi contemporaneamente. L’esempio celebre qui è World of Warcraft, che a breve conoscerà la seconda espansione (Wrath of The Lich King), ma anche – rimanendo su titoli contemporanei – Age of Conan, Lord of the Rings Online e l’imminente Warhammer Online. Qui i requisiti hardware del PC devono accompagnarsi a una connessione Internet non solo sempre attiva (Always On – Flat), ma anche dotata di caratteristiche di ottima stabilità e velocità, soprattutto in termini di latenza.



Ultimo aggiornamento Sabato 11 Giugno 2011 12:26
 
Banner